Che fine ha fatto Mina?

Mina è una delle più grandi voci del panorama musicale italiano ed è una delle cantanti più dotate al mondo. Da tantissimi anni ha deciso di ritirarsi dalle scene. Che fine ha fatto Mina?

Parlare di Mina è difficile, raccontarla ancora di più. Mina è una delle più grandi voci del panorama musicale italiano ed è una delle cantanti più dotate al mondo. Da tantissimi anni ha deciso di ritirarsi dalle scene. Che fine ha fatto Mina?

Mina Anna Maria Mazzini nasce nel 1940 e a soli 13 anni è già una nuotatrice provetta, ma è la musica la sua vera passione. A trasmetterle questa passione è sua nonna Amelia cantante lirica che la spinge a pendere lezioni di pianoforte. Mina e il pianoforte però non vanno d’accordo e a 17 anni decide di dedicarsi esclusivamente al canto. Il tempo speso per il canto è talmente tanto che abbandona la scuola e nel 1958 le doti canore di Mina prendono il volo. All’epoca la playlist di Mina contiene i brani di Frank Sinatra, Sarah Vaughan, Ella Fitzgerald, Elvis Presley.

La prima esibizione di Mina su un palcoscenico

Nello stesso anno gli Happy Boys (band di cui faceva parte Mina) a Rivarolo del Re si esibisce e le grandi doti della cantante lasciano tutto il pubblico a bocca aperta. L’artista ricorda con immenso piacere questo episodio tanto da raccontarlo in un’intervista al quotidiano La Stampa nel 2008.

Si ricorda che alla fine di quella primissima esperienza scappò via perché i genitori non sapevano? non volevano. A diciott’anni era d’obbligo ubbidire. Ma non l’aveva fatto. Si ricorda che poco dopo, dietro le sue insistenze, il padre aveva convinto la madre a lasciarla fare: «Tanto, cosa vuoi, durerà qualche settimana questa follia. Lasciamola fare». La lungagnona, invece, è ancora qui che rompe le scatole con quel piccolo meccanismo misterioso che sono le canzoni. Che lei ama e rispetta. E? e? e la lungagnona non si ricorda altro.

Racconta Mina a La Stampa.

Nel 1960 Mina è al vertice di tutte le classifiche con Tintarella di luna, canzone scritta da Franco Migliacci e Bruno De Filippi. Inoltre il brano ottiene un successo straordinario anche all’estero e viene inserito nei film Urlatori alla sbarra e Juke box – Urli d’amore. Da allora tutti la conoscono anche con il soprannome la Tigre di Cremona datole dalla giornalista e amica Natalia Aspesi anche se la stessa Natalia ha smentito. Sempre nello stesso anno inoltre esce Il cielo in una stanza, brano scritto da Gino Paoli. Questa splendida canzone rimane prima in classifica per ben 14 settimane e diventa il 45 giri più venduto dell’anno.

La tigre di Cremona si ritira dalle scene

La carriera di Mina è favolosa e coronata da grandissimi successi: tv e musica vanno di pari passo per lei. La cantante ha interpretato più di 1500 canzoni fino ad oggi e ha venduto oltre 150 milioni di dischi fra album e singoli. Nel 1978 qualcosa cambia e Mina decide di ritirarsi dalle scene. Il motivo del suo ritiro è ancora avvolto nel mistero e nessuno lo conosce. Attenzione però, perché la Tigre continua a cantare ma senza farsi vedere. Infatti non appare più in pubblico ma incide dischi e singoli. Ultime ma non ultime “Another Day of Sun” cover dell’omonimo brano tratto dalla colonna sonora del musical La La Land. e “Scivola, scivola, scivola” realizzate per la TIM. Questi brani li abbiamo ascoltati rispettivamente nel Festival di Sanremo 2018 e 2020.

Tante sono le soddisfazioni professionali per lei, ma tante sono anche le soddisfazioni personali. Infatti Mina è sposata con Eugenio Quaini dal 2006. Ora è nonna dei due figli di Massimiliano Pani (nato dall’amore con Corrado Pani) Axel ed Edoardo ed è bisnonna di Alma, primogenita di Axel.