Eurovision 2019: ecco chi sono i favoriti secondo gli scommettitori

Eurovision 2019: ecco chi sono i favoriti secondo gli scommettitori per la manifestazione che vedrà la sua finale in onda il 18 maggio su Rai 1 con Mahmood a rappresentare l'Italia con "Soldi", brano che ha vinto la sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo.

Tanta attesa per l‘Eurovision Song Contest 2019 che vedrà Mahmood in rappresentanza dell’Italia con il brano “Soldi” che ha vinto l’ultima edizione del Festival di Sanremo. La Rai ha svelato tutte le informazioni in merito all’evento che si terrà a maggio a Tel Aviv, in Israele.

Gli artisti in gara in questa edizione saranno 42 con un rappresentante per ogni nazione europea e non solo; infatti come ogni anno parteciperà anche l’Australia, senza dimenticare Israele, Paese ospitante. Sono solo sei le nazioni già di diritto in finale: Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Spagna e Israele, rispettivamente i cinque Paesi che hanno fondato la manifestazione nell’ormai lontano 1956 e il Paese ospitante, per l’appunto.

Le altre 36 nazioni dovranno contendersi con le due semifinali i restanti posti disponibili: le due serate sono in programma per il 14 e il 16 maggio e verranno trasmesse in diretta su Rai 4 con il commento di Federico Russo. Solo 20 delle 36 semifinaliste accederanno alla finale che andrà in onda su Rai 1 il 18 maggio a partire dalle 20.35 con il commento di Russo e in contemporanea su Rai Radio 2 con il commento di Ema Stockholma e Gino Castaldo.

Al momento, secondo i bookmakers, sembra essere Sergey Lazarev, il rappresentante della Russia, il candidato numero uno alla vittoria finale. Il suo trionfo è pagato a circa 3,50 euro dalle principali agenzie di scommesse internazionali. Alle sue spalle c’è la Svezia, che però svelerà solamente il prossimo 9 marzo il nome del suo rappresentante. Mahmood si trova sul gradino più basso del podio delle quotazioni: la sua vittoria è pagata a circa 10 euro delle agenzie. Ci sarà una rimonta in corsa?

“È ancora troppo presto. Siamo in fase di creazione. L’ho visto due volte in tv, non l’ho mai seguito tantissimo, quindi vediamo come andrà”, ha dichiarato Mahmood in merito all’Eurovision attraverso una video intervista a Bellacanzone.

L’Italia ha vinto la competizione due volte: la prima nell’edizione del 1964 svoltasi a Copenaghen con l’allora sedicenne Gigliola Cinquetti e la canzone Non ho l’età (per amarti), la seconda nel 1990 a Zagabria con Toto Cutugno e la canzone Insieme: 1992. A seguito di queste vittorie l’Italia ha acquisito il diritto di organizzare l’edizione successiva della manifestazione, precisamente l’edizione 1965 a Napoli (al Centro Rai), e l’edizione 1991 a Roma (nello Studio 15 di Cinecittà).