Le origini del Concerto del Primo Maggio a Roma

Uno degli eventi più attesi nella Capitale è sicuramente il Primo Maggio. Tutti i romani e non solo, ogni anno accorrono numerosi a Piazza San Giovanni per ascoltare dal vivo molti artisti del panorama musicale italiano. Vediamo come è cambiato nel tempo il Concerto del Primo Maggio e quali sono stati gli artisti che si sono esibiti negli anni.

Uno degli eventi più attesi nella Capitale è sicuramente il Primo Maggio. Non solo perché è la Festa dei lavoratori, ma anche perché in questa occasione viene organizzato un concerto davvero imperdibile. Tutti i romani e non solo, ogni anno accorrono numerosi a Piazza San Giovanni per ascoltare dal vivo molti artisti del panorama musicale italiano. Vediamo come è cambiato nel tempo il Concerto del Primo Maggio e quali sono stati gli artisti che si sono esibiti negli anni.

Quando tutto ebbe inizio

Nel 1990 Maurizio Illuminato ha ideato il Concerto del Primo Maggio, che al giorno d’oggi può essere considerato un vero e proprio Festival a cadenza annuale. Il Concerto è organizzato per la festa dei lavoratori in piazza San Giovanni in Laterano. Gli organizzatori dell’evento sono i tre sindacati confederati italiani: CGIL, CISL e UIL. Il Concertone, chiamato così per via della sua durata (comincia il pomeriggio e finisce a tarda notte), raduna ogni anno moltissima gente da tutta Italia. Nel 2006 c’è stato il record di presenze. Infatti erano presenti circa 1 milione di spettatori. Il concerto viene trasmesso in diretta su RAI 3  e su Radio 2.

Gli artisti che si esibiscono al Concertone provengono per la maggior parte dalla scena indipendente italiana e non solo. Infatti al Concerto del Primo Maggio partecipano anche artisti internazionali come Robert Plant  e gli Oasis nel 2002, gli Iron Maiden nel 1993 e gli Editors nel 2017. Quest’anno l’ospite internazionale sarà proprio un ex Oasis, ovvero Noel Gallagher con la sua nuova band “Noel Gallagher’s High Flying Birds”.

La prima edizione del Concertone è stata organizzata nel 1990 e a presentarlo è stato il giornalista Carlo Massarini. I primi a salire sul palco sono stati: Litfiba, Zucchero, Edoardo Bennato, Pooh, Fabio Concato, Ladri di Biciclette, Gianni Morandi, Pino Daniele, Enrico Ruggeri, Caterina Caselli, Grazia Di Michele, Rats, Piccola Orchestra Avion Travel, Allison Run, Panoramics, Casino Royale, Formula 3. Questa è stata dunque un’edizione straordinaria con grandi nomi della musica e che ha avuto 190mila spettatori.

Dal 1991 al 1994 la conduzione dell’evento è stata affidata a Vincenzo Mollica e in questi anni si sono esibiti: Fabrizio De Andrè, Roberto Murolo, Biagio Antonacci, Ligabue, Fiorella Mannoia, Lou Reed e tantissimi altri. Il Concerto è anche strumento di opposizione e critica alla politica. Un esempio è stata l’esibizione dei Gang e di Elio e le Storie Tese nel 1991.  Nel 1995  la conduzione è toccata a Piero Chiambretti, Kay Rush, Paolo Rossi. Piero Chiambretti Kay Rush e Gianni Minà hanno presentato anche l’edizione del 1996 e del ’97.

Le edizioni che hanno lasciato il segno

Nel 2003 ha fatto scalpore una dichiarazione di Daniele Silvestri contro la lotta alla magistratura ad opera del governo Berlusconi. A causa di ciò, l’anno successivo il concerto è stato trasmesso in differita di 20 minuti per permettere alla RAI di censurare slogan politici o frasi sconvenienti.

L’edizione del 2006 è stata quella con il maggior numero di presenze, Claudio Bisio ha presentato da solo l’evento e il cast artistico è stato molto ricco. Enzo Avitabile, Bandabardò, Baustelle, Edoardo Bennato, Alex Britti, Caparezza, Pino Daniele, Teresa De Sio, Max Gazzè & La Camera Migliore,Luciano Ligabue, Marco Marzocca, Marlene Kuntz, Luca Medici, Modena City Ramblers, Negramaro, Nomadi, Roy Paci & Aretuska, Piero Pelù  sono stati alcuni degli artisti che si sono esibiti quell’anno.

Nel 2007 il presentatore Andrea Rivera ha fatto scalpore rimproverando il Vaticano di aver vietato i funerali a Piergiorgio Welby e di averli permessi a Franco, a Pinochet e a un componente della Banda della Magliana. Inoltre Riviera ha accusato la Chiesa di non essersi mai evoluta.

Vasco Rossi al Primo Maggio

Nel 2009 Vasco Rossi è salito sul palco del Primo Maggio e la sua partecipazione è rimasta nella storia. I suoi fan non hanno mai smesso di acclamarlo. Infatti per tutta la durata del Concertone tutti gli altri artisti hanno avuto difficoltà nel cantare, in quanto, coperti dai cori per Vasco. Sergio Castellitto, conduttore del concerto più volte ha dovuto richiamare il pubblico di Vasco.

Nel 2013 per la prima volta si sono esibiti i sei gruppi finalisti del 1M Festival. Questo è stato anche il primo anno in cui non ci sono stati ospiti internazionali. Nel 2014, torna a farsi sentire il dissenso politico di Piero Pelù che sul palco ha attaccato il presidente del consiglio Matteo Renzi. Pelù ha definito Renzi “il non eletto, il boy scout di Licio Gelli”. L’anno successivo viene incentivato il contest per gli emergenti e la Rua si aggiudicano la vittoria. 

Ricordiamo che ogni anno il concerto del primo maggio affronta una tematica differente che può essere: la sicurezza sul lavoro, le pensioni, la musica per il nuovo mondo, la solidarietà ecc. Lo scorso anno il Concertone del primo maggio ha visto Lodo Guenzi (leader de Lo Stato Sociale) e Ambra Angiolini al timone dell’evento. Destino ha voluto che i due torneranno anche quest’anno su quel palco. Il Concerto è promosso da CGIL, CISL e UIL, prodotto e organizzato da iCompany e  SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori) è partner del Concerto. Per scoprire come sarà l’edizione 2019 non ci resta che aspettare mercoledì 1 maggio.