Musica contro le Mafie: a Levante il premio speciale

Musica contro le Mafie: a Levante il premio speciale per la canzone "Non me ne frega niente", che invita le persone a muoversi, e non solo a commuoversi. Insieme a lui sul palco il 15 dicembre a Cosenza anche Ex-Otago e Diodato.

La nona edizione del Premio Musica contro le mafie ha terminato la fase delle iscrizioni, battendo ogni suo precedente record: 350 artisti. Dall’analisi dei concorrenti, si evincono le seguenti informazioni: il 76% ha presentato opere inedite; il 50 per cento ha meno di 35 anni; il 32 per cento arriva dal Nord Italia, il 20 per cento dal Centro ed il 48 per cento dal Sud-Italia e/o Isole.

In questi giorni è in corso la fase delle votazioni (al momento il sistema di voto ha raccolto più di 28000 voti). Dal 6 al 28 novembre sono operative le 3 giurie coinvolte (“giuria social”, “giuria studentesca” e “giuria responsabile”) per stabilire la classifica di tutti gli artisti e scegliere i 10 finalisti che vanno a esibirsi a Cosenza durante la “5 Giorni di Musica contro le mafie”.

Alle prime rivelazioni sulla “5 Giorni di Musica contro le mafie” nel programma troviamo il magistrato anti-ndrangheta Nicola Gratteri e lo sceneggiatore e giornalista Claudio Fava che si aggiungono altri nomi degli ospiti nel grande cartellone di eventi, spettacoli, concerti, mostre, incontri, a Cosenza dall’11 al 15 dicembre.

Programma

Musica contro le Mafie 2018: i dati sulle iscrizioni e le prime rivelazioni sul programmaInsieme agli Ex-Otago e a Diodato, anche Levante è invitata alla sera del 15 dicembre sul palco del Teatro Morelli a ritirare il premio speciale per la canzone “Non me ne frega niente”, che invita le persone a muoversi, e non solo a commuoversi, ad alzarsi e staccarsi dalle finestre affacciate sull’asettica piazza virtuale dei social network, per tornare fisicamente per le strade, criticando senza mezzi termini l’apatia, il giudizio non costruttivo e il disinteresse sociale.

La novità di questa terza edizione sta nella predominanza della presenza femminile tra gli ospiti, iniziando dalla cantautrice Erica Mou alla sera dell’11 dicembre. Inoltre lo stesso giorno ci sarà Quando ci tocca fare i conti con il coraggio della paura – Le rivoluzioni si fanno cantando” con Roberta Bellesini (vedova di Giorgio Faletti); il 12 dicembre il panel su “Donne Ribelli alle Mafie” con Enza Rando (vicepresidente di Libera).

E ancora il 13 dicembre l’appuntamento a tema mafia-movie con l’attrice Cristina Donadio, interprete del personaggio di Scianèl nella fiction “Gomorra”, insieme con Peppino Mazzotta; il 14 dicembre di parla di Vita da Social con Selvaggia Lucarelli e il commissario Marco Cervellini, responsabile relazioni esterne della Polizia Postale.

Il programma ufficiale e completo verrà presentato alla Milano Music Week il 20 novembre alle ore 17.00 a Palazzo dei Giureconsulti, piazza dei Mercanti 2 – Milano, durante l’evento ad hoc “MUSICA CONTRO LE MAFIE: il potere della musica nella diffusione di buone prassi”.

Altre notizie