Stragà: “Oggi la gente vive la musica in maniera più superficiale” – Intervista

Stragà è tornato con Guardare fuori, un album intenso e sincero. Il disco è disponibile nei negozi e in digitale (Alman Music/Self). Dieci tracce in cui l’artista si racconta a cuore aperto e si interroga sull’esistenza, sulla forza, sulla debolezza e sulla capacità di affrontare la quotidianità. Tutto in equilibrio tra ironia e profondità.

Intervista

Come nasce questo album?
Nasce inaspettatamente perché è il mio primo album da autore di tutt i testi e le musiche. Ho iniziato a scrivere intorno al 2013 con una certa costanza, così i dieci pezzi di quest’album sono scritti negli ultimi due, tre anni. È un album sicuramente molto autobiografico perché mi sono reso conto che le reali ispirazioni mi sono venute inevitabilmente parlando di cose che mi riguardano. Paure, pensando al primo singolo. Anche le altre sono autobiografiche, sia Debole che Guardare fuori.

Com’è cambiato il tuo modo di lavorare rispetto al passato?
È cambiato totalmente. Nei dischi precedenti ero interprete delle canzoni che cantavo anche se me le attribuivano sempre. Questa è una cosa molto diversa. Mi sento più coinvolto in quello che faccio. Ho vissuto in prima persona tutto, dalla realizzazione delle canzoni, agli arrangiamenti, alla copertina del disco. Sono stato più presente.

Cos’è cambiato della discografia italiana negli ultimi anni?
Ho provato a rispondere già a questa domanda. Ho improvvisato. La risposta più sincera sarebbe Non lo so. Si sentono talmente tante cose. Già se ne sentivano vent’anni fa. Oggi si capisce che è tutto cambiato e che il mondo della discografia gira intorno a dei perni che io non conosco. Penso a mia figlia che ha 14 anni e vedo quello che ascolta. Ho l’impressione non ci sia più il coinvolgimento di un tempo. Ripenso ai dischi che ho consumato quando avevo vent’anni. Oggi da questo punto di vista la gente vive la musica in maniera più superficiale. Basta che ci siano canzoni allegre per ballare.

L’intervista continua nella seconda pagina