Marta Daddato: “Un album? Sto lavorando a nuovi pezzi”

Marta Daddato: "Un album? Sto lavorando a nuovi pezzi", ecco cosa ha dichiarato la cantante in un'intervista esclusiva a Bellacanzone in merito all'uscita del suo singolo "Bordello".

Bordello” è il nuovo singolo di Marta Daddato dall’8 maggio su tutte le piattaforme digitali su etichetta Cantieri Sonori/Polydor/Universal Music.

Marta Daddato, 17 anni, romana, inizia a fare rap sulla piattaforma TikTok dove in poco tempo raccoglie oltre 1,4milioni di follower. Da TikTok a Spotify e Youtube il passo è breve.  Marta ad oggi ha all’attivo tre singoli, “Sto una bomba”, “Danni” e l’ultimo “Queen” pubblicato all’inizio di quest’anno e che ad oggi conta più di 5milioni di visualizzazioni su Youtube e oltre 1,2milioni di stream su Spotify.

“Bordello”, scritto da Marta Daddato insieme a Federico Granaldi e Pietro La Terza e prodotto da Skywalker, è un brano che sconfina abilmente dal rap al pop.

Come nasce la tua passione per la musica?

La musica accompagna da sempre la mia vita ed ogni ricordo è legato ad una canzone in particolare. Frequentavo ancora le scuole medie quando ho capito che potevo e volevo utilizzare la musica per comunicare, raccontarmi, rappresentare i miei pensieri e i miei stati d’animo. Così ho iniziato a scrivere, non facevo altro, appuntavo frasi sui quaderni o sulle note del telefono. Ho scelto il rap perché mi veniva facile farlo, direi quasi naturale, e tutto quello che mi passava per la testa si trasformava in barre. 

Qual è la prima canzone in assoluto che hai cantato in pubblico?

Il primo brano che ho cantato in pubblico è stato “Sto Una Bomba” in occasione del “Romics” nell’ottobre del 2019. All’inizio, solo al pensiero, ero agitata perché non mi era mai capitato di salire su un palco e cantare davanti a migliaia di persone. Ma una volta salita la paura è sparita, si è trasformata in carica esplosiva ed ero felicissima nel vedere tutta quella gente che cantava a squarciagola insieme a me.

Vuoi parlarci del brano Bordello?

Bordello è un brano che mi rappresenta totalmente. Nel testo emergono molte sfumature del mio carattere e poi è il frutto delle scelte artistiche che sto portando avanti in questo momento, delle sonorità e lo stile che voglio dare alla mia musica. Cercavo un cross tra house, edm, pop e rap. Il brano è nato durante questi mesi di quarantena e l’ho scritto a distanza insieme al mio amico e rapper “2ME”. La prod invece porta la firma di Skywalker. Ci ho lavorato tanto, con tutte le difficoltà del periodo, ma alla fine è uscita fuori.

Com’è arrivato l’interessamento di Polydor/Universal alla tua musica?

Sono arrivate tante proposte da tantissime case discografiche ma sono subito rimasta colpita dall’entusiasmo e l’energia che mi ha trasmesso lo staff di Polydor. Ci tengo a ringraziare in particolare Fausto Donato e Marta Nannipieri che insieme al mio staff di Cantieri Sonori mi seguono quotidianamente. La proposta è arrivata la settimana prima del lockdow. Hanno ascoltato il mio brano “Queen” e ne sono rimasti colpiti. Abbiamo firmato il contratto nel giro di poche settimane e ci siamo messi subito a lavoro. Sono davvero molto felice di avere queste belle realtà alle spalle perché oltre alla professionalità ho davvero trovato un’altra famiglia, anzi due.

Da Tik Tok al mondo della discografia: ti aspettavi tutto questo successo?

A dire il vero no, non così velocemente almeno! Come ho detto prima ho iniziato a scrivere per divertimento e per tirare fuori tutto quello che avevo dentro. Ho iniziato a crederci quando Marco Canigiula, a giugno del 2019, mi ha contattata per un colloquio negli studi di Cantieri Sonori. Dai primi incontri, la cosa che mi ha subito colpito, è stata che Marco non si è concentrato sulla mia popolarità in quanto personaggio di TikTok ma a voluto sin da subito creare un progetto artistico su misura per me che sognavo di fare musica da quando ero piccola. È stata la proposta più bella che potesse arrivarmi. Nel giro di qualche giorno abbiamo iniziato a lavorare subito al primo singolo “Sto Una Bomba” uscito nel luglio 2019, e da lì non ci siamo più fermati. 

Ci sono delle Tik Toker che consiglieresti di seguire in questo periodo?

Non saprei. Personalmente non seguo con costanza sempre le stesse persone. Passo molto più tempo nei “Per Te” a scoprire nuovi profili, soprattutto internazionali perché propongono format nuovi e molto divertenti.

Stai lavorando ad un album? Vuoi darci qualche anticipazione?

Sto lavorando a nuovi pezzi e sicuramente mi piacerebbe raccoglierli in un disco. Preferisco però fare un passo alla volta, tirare fuori altre canzoni, farmi conoscere e apprezzare da più persone possibili e poi magari tirare fuori un bel disco.