Una, nessuna, centomila: come acquistare i biglietti per il concerto a Campovolo

Una, nessuna, centomila: come acquistare i biglietti per il concerto a Campovolo che andrà in scena per beneficenza contro la violenza sulle donne sabato 19 settembre 2020 alla RCF Arena Reggio Emilia.

FIORELLA MANNOIA, EMMA, ALESSANDRA AMOROSO, GIORGIA, ELISA, GIANNA NANNINI, LAURA PAUSINI: 7 grandi cantanti insieme dal vivo per dire basta alla violenza sulle donne, 7 grandi voci sullo stesso palco per raccogliere fondi destinati ai centri antiviolenza.

Sabato 19 settembre dalle ore 20.30 alla RCF Arena Reggio Emilia (Campovolo) andrà in scena il più grande evento musicale di sempre contro le violenze di genere: “UNA. NESSUNA. CENTOMILA. IL CONCERTO”. Loro non saranno sole: ognuna di loro inviterà a cantare un collega, un uomo, perché questa volta per una causa così impellente, il messaggio che partirà dal palco deve essere universale, tutti insieme contro le violenze. “Ognuno di noi inviterà sul palco un collega uomo, perché anche loro devono essere al nostro fianco”, ha detto Emma sul palco del Festival di Sanremo per annunciare questo live speciale.

I biglietti per il concerto, organizzato e prodotto da Friends & Partners e Riservarossa, saranno disponibili a partire dalle ore 16.00 di venerdì 7 febbraio, su TicketOne.it, e dalle ore 11.00 di venerdì 28 febbraio nei punti vendita e prevendite abituali.

Dal 2 marzo saranno disponibili su friendsandpartners.it le informazioni relative ai parcheggi e alle modalità di accesso all’area concerto (in base alla tipologia di biglietto acquistato), al campeggio e ai treni speciali (A/R in giornata per Reggio Emilia) e al servizio autobus A/R da tutta Italia all’area del Campovolo con diversi orari di arrivo e partenza da 150 città.

Le dichiarazioni a Sanremo 2020

“Quando una donna lotta lo fa anche per le altre donne. Perché nessuna donna possa subire violenze”, ha detto la Pausini in merito al concerto che si terrà a Campovolo il 19 settembre.

“Ci siamo unite per combattere insieme”, ha continuato Elisa. “Ci siamo schierate ancora una volta perché non ne possiamo più. Basta ancora donne vittime“, ha precisato la Nannini.

Lo scopo è benefico: tutti i proventi raccolti dal concerto saranno devoluti ai centri anti-violenza. “Faremo sapere quali centri anti-violenza avremo scelto nella più totale trasparenza”.

“Siamo 7 cantanti ed il microfono rosso dà una voce a chi non ha coraggio. Vogliamo dare una speranza e speriamo di trovare altre donne pronte a cantare con noi”, ha detto la Amoroso.

“Si tratta di un impegno che accogliamo con tutto il cuore. Con la musica per noi è un grande privilegio dare speranza“, ha concluso Giorgia.