Antonello Carozza sul brano de Il Volo a Sanremo: “‘Musica che resta’ è un brano d’amore” – Video

Antonello Carozza sul brano de Il Volo a Sanremo: "'Musica che resta' è un brano d'amore" - Video esclusivo sulle dichiarazioni rilasciate da uno degli autori del pezzo che il trio porterà al Festival della Canzone Italiana in gara alla sessantanovesima edizione della kermesse canora. Ecco quale sarà il tema della canzone.

“Musica che resta è un brano d’amore che parla di una storia d’amore eterna. Il testo non posso svelarvelo, comunque è inteso come ‘Noi due, musica che resta’, cioè non siamo una cosa effimera. È stato scritto insieme a Piero Romitelli, Emilio Munda e firmato anche da Gianna Nannini. C’è anche il suo contributo”, queste le dichiarazioni di Antonello Carozza nel corso del programma Lingue a Sonagli, il salotto sgualcito di Radio Rock, condotto da Bussoletti a L’Asino che Vola a Roma e che verrà trasmesso venerdì 11 gennaio a mezzanotte proprio su Radio Rock (106.6 a Roma e in streaming sul sito ufficiale dell’emittente).

In fondo all’articolo trovate le dichiarazioni complete in un video esclusivo di Bellacanzone.

Antonello Carozza è infatti uno degli autori di “Musica che resta“, il brano che Il Volo porterà in gara alla sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo che andrà in scena dal Teatro Ariston della città dei fiori dal 5 al 9 febbraio prossimi.

Antonello con lo pseudonimo di Icaro era stato selezionato anche tra i 69 artisti in gara a Sanremo Giovani 2018 con il brano “Vivo sopra un’astronave (a Mina)“, prodotto dalla sua nuova etichetta discografica Fenix Entertainment.

Il Volo a Sanremo

Ignazio Boschetto, Gianluca Ginoble e Piero Barone del trio hanno vinto la kermesse canora di mamma Rai nel 2015 con il brano “Grande amore” e con la stessa canzone hanno rappresentato il nostro Paese all’Eurovision Song Contest 2015, classificandosi terzo.

In realtà la prima volta sul palco del Teatro Ariston era avvenuta nel 2010 con la conduzione di Antonella Clerici, loro “madrina” a “Ti lascio una canzone“. Il trio si è infatti costituito nel 2009 durante la partecipazione dei tre cantanti alla seconda edizione del talent show canoro per bambini della Rete Ammiraglia. Dei componenti, il più grande, Piero, non aveva neanche 16 anni; gli altri due, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble ne avevano circa 14.

“Abbiamo deciso di partecipare perché nel 2019 festeggeremo i 10 anni di carriera. Quale modo migliore di farlo? Canteremo all’Ariston, lo stesso palco che ci ha visto nascere nel 2009 a ‘Ti lascio una canzone’. Andremo senza la pretesa di vincere. Con tranquillità. Perché siamo già enormemente felici dell’affetto del pubblico e di tutte quelle persone che, dopo anni di concerti in giro per il mondo, aspettano ora di rivederci in Italia”, hanno detto i ragazzi attraverso una recente intervista a Tv, Sorrisi e Canzoni.